Parto

Giornata internazionale dei nati prematuri e i benefici della terapia canguro!

Oggi, 17 novembre, si ricordano i bambini e i genitori guerrieri, che iniziano questa vita un po’ in salita.

La medicina ha fatto passi da gigante e le prospettive per i nati prematuri, migliorano quotidianamente.

Il parto pretermine resta, però, una grande sfida e un momento di grande difficoltà per chi lo vive.

Voglio quindi sfruttare questa ricorrenza, per ricordare una terapia che le mamme sanno fare meglio di tutti:

La kangaroo Mother care!

Questa terapia prevede un contatto pelle a pelle del neonato prematuro con la mamma durante alcune ore della giornata.

Ecco alcuni benefici di quello che sembra una semplice coccola:

  1.  Migliore termoregolazione
  2.  Riduzione della sepsi
  3. Riduzione delle apnee e delle malattie del tratto respiratorio inferiore
  4. Maggior tasso di allattamento al seno
  5. Riduzione della morbilità e mortalità

I genitori che possono sperimentare questa terapia, si sentono inoltre più coinvolti nella vita del figlio prematuro ricoverato e stabiliscono una relazione forte fin dai primi giorni.

Ecco la commovente storia di una mamma e del suo bimbo nato prematuro:

4 lettere e un gesto di coraggio (mancato): VBAC

Finalmente aspetti il tuo secondo figlio e l’unica cosa che non vorresti, è ripetere quel taglio cesareo, che tanto ti spaventa.

Ti stai informando e cominci a pensare al VBAC (“Parto vaginale dopo cesareo”).

Le frasi che ti sei sentita dire, però, sono probabilmente queste:

  • Che bisogno hai di sfidare la sorte?
  • Perché vuoi rischiare?
  • Non fare l’alternativa, dopo un cesareo non puoi partorire!
  • E se poi ti rompi?!
  • Non c’è bisogno di fare atti di coraggio, il cesareo è sicuro in Italia.

Forse anche tuo marito si è fatto convincere, dalle incessanti voci (infondate) di qualsiasi passante, che è meglio ricorrere ad un secondo parto cesareo.

Ti senti sola e a volte pensi che abbiano ragione, ma…

..Tu sai, che il vero gesto di coraggio non è partorire naturalmente, bensì ripetere il cesareo.

Cosa fare?

  1. Parlane con la tua ostetrica e frequenta un buon corso preparto (possibilmente in coppia!)
  2. Se ti piace leggere, concediti dei libri edificanti per la nascita
  3. Chiedi alle persone che insistono per un cesareo, di rispettare la tua scelta, senza interferire.
  4. Informati e informa: Leggi le Linee Guida sul taglio Cesareo (riportate nell’articolo) e parlane con il tuo compagno. Condividere il percorso con lui, non è indispensabile ma sicuramente è di aiuto.
  5. Scegli un punto nascita che assecondi e sostenga la tua scelta.
  6. Cerca donne che stanno vivendo il tuo stesso percorso: l’unione fa la forza! ( puoi trovare diversi gruppi FB di donne che hanno avuto o desiderano un VBAC).

Keep Calm and VBAC ON 🙂

“Per una nascita senza violenza” Muore il maestro Leboyer

Oggi ci ha lasciati un grande maestro dell’ostetricia: Frédérick Leboyer

Il suo libro più diffuso e conosciuto è “Per una nascita senza violenza“,  in cui l’autore racconta la nascita in un modo totalmente nuovo,

RIVOLUZIONARIO.

Il parto vissuto dal bambino.

La protagonista indiscussa del percorso nascita è la donna, ma cosa accadrebbe se anche il bambino potesse manifestare le sue esigenze?

Read More

I 15 diritti della partoriente

Nel  lontano 1985, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stilato i seguenti 15 punti che rappresentano i diritti imprescindibili della partoriente:

  1. Per il benessere psicologico della neo-madre deve essere assicurata la presenza di una persona di sua scelta – familiare o non – e di poter ricevere visite nel periodo postnatale.
  2. A tutte le donne che partoriscono in una struttura deve venir loro garantito il rispetto dei loro valori e della loro cultura.
  3. L’induzione del travaglio deve essere riservata solo per specifiche indicazioni mediche ed in nessuna regione geografica si dovrebbe avere un tasso superiore al 10%
  4. Non c’è nessuna giustificazione in nessuna regione geografica per avere più del 10% – 12% di cesarei.
  5. Non c’è nessuna prova che dopo un precedente cesareo sia richiesto un ulteriore cesareo per la gravidanza successiva. Parti vaginali dopo cesareo dovrebbero venire incoraggiati.
  6. Non c’è nessuna indicazione per la rasatura del pube e per il clistere prima del parto.
  7. La rottura artificiale delle membrane, fatta di routine, non ha nessuna giustificazione scientifica e se non richiesto, si raccomanda solo in uno stadio avanzato del travaglio. Read More